A church musician’s thoughts on Vatican II / Pensieri di un musicista liturgico sul Concilio Vaticano II (eng-ita) – M° Colin Mawby

Rai-1-e-lanniversario-del-Conicilio-VaticanoAs a church musician I look back at Vatican 2nd and its interpretation with some misgiving. The Council did great work, achieved much and its document on the liturgy is very fine, however, the manner in which it was interpreted often led to disaster. Much good has emerged from the musical reforms and the damage is slowly being repaired. I have no doubt that liturgical music will eventually be greatly strengthened by Vatican 2. We musicians must never forget that our work is inspired by the Holy Spirit. Trust him and go where he leads. Always be positive when facing the problems caused by the misinterpretation of the Council document. Let us implement the great vision of the 2nd Vatican Council with energy and faith.


Come musicista di chiesa ripenso al Concilio Vaticano II e alla sua interpretazione con qualche dubbio. Con il Concilio si è fatto un grande lavoro, sono stati raggiunti importanti risultati e il suo documento inerente la liturgia è molto  buono, ma il modo in cui é stato interpretato spesso ha portato al disastro. Ancor più é emerso dalle riforme liturgiche e alla fine la musica sarà grandemente rafforzata dal Concilio Vaticano II. Noi musicisti non dobbiamo mai dimenticare che il nostro lavoro é ispirato dallo Spirito Santo. Dobbiamo avere fiducia fiducia in lui e seguire dove ci porta. Bisogna essere sempre positivi di fronte ai problemi causati dall’errata interpretazione del documento conciliare. Dobbiamo applicare la grande visione del Concilio Vaticano II con energia e fede.

(Translation by Marina Madeddu)