Against understanding/Contro la comprensione (eng – ita) – M° Aurelio Porfiri

 

Again! It happens again and again, the same fact: the priests “up to date” that make a lot of fuss around the usual simple statement: “the people have to understand!”.  I am so tired of this fake kindness that I want to create a new movement against understanding, because if we need to reduce everything to our understanding we understand that we are reducing everything to nothing. Can you understand love? No you cannot. You just fall in love and just want to be together with the object of your love; you become “stupid” to be really yourself. Love is blind, as people say. But some priests want the people to understand! That is catechism,  not the Mass. If the Mass becomes didactic we are betraying the Mass itself and the catechism too!

Sure, there are elements in the Mass that have to be understood but they are a preparation for the unknowable. And even if there are elements that can be understood, like in the readings, are we sure that they are really within the reach of common people: what about the Trinity, the Eucharist, the Virgin Mother and so on? What we will do is remove all these doctrines because the people cannot understand it. Or we enroll everyone in Theology courses (and even there…). You cannot sing one word in Latin because “the people don’t understand”. Let the people decide! Because when the real people, not the ones poisoned by pseudo intellectual priests, can decide, they can really feel where the Beauty is and, even if they may not understand, they will always be willing to follow it.


 

Ancora! Succede ancora ed ancora, lo stesso fatto: i preti “aggiornati” che fanno un sacco di casino attorno alla stessa frase: “la gente deve capire!”. Io sono cosi’ stanco di questa falsa gentilezza che voglio creare un movimento contro la comprensione, perché se dobbiamo ridurre tutto alla nostra comprensione noi comprendiamo che stiamo riducendo il tutto al niente. Puoi capire l’amore? No, non puoi. Tu ti innamori and vuoi solo essere insime con l’oggetto del tuo amore, tu divieni stupido per essere veramente te stesso. L’amore é cieco, come dice la gente. Ma alcuni preti vogliono che la gente deve comprendere! Quello é il catechismo, non la Messa. Se la Messa diviene didattica stiamo tradendo la Messa stessa e pure il catechismo!

Certo, ci sono elementi nella Messa che devono essere capiti ma essi sono a supporto per l’inconoscibile. E anche questi elementi che possono essere capiti, come nelle letture, siamo sicuri che sono alla portata della gente comune: che possiamo dire della Trinità, dell’Eucaristia, della Vergine Madre e via dicendo. Che faremo, rimuoveremo tutto questo perché la gente non può capire? O iscriviamo tutti a corsi di teologia (e pure lì…). Tu non puoi cantare una parola in latino perché “il popolo non puo’ capire”. Fate decidere il popolo! Perché quando la gente reale, non quella avvelenata da preti pseudo intellettuali, può decidere, può veramente sentire dove é la Bellezza e, anche se forse non possono comprendere, saranno comunque sempre pronto a seguirla.