I santi che dovresti conoscere (II) /Saints who you should know (II) (ita-eng) – Fr. Giovanni Cavalcoli

S. CATERINA DA SIENA – In Caterina abbiamo un esempio eroico dell’atteggiamento che il cattolico deve tenere davanti al Papa. Vi sono circostanze, nelle quali è molto difficile mantenere il giusto atteggiamento davanti a Pontefici, i quali mostrano all’evidenza i limiti e i difetti della loro umanità. Eppure restano infallibili maestri della fede, anche se…

Il Papa ha bisogno di una “strutturazione teologica?” / Does the Pope need a “theological structuring”? (ita-eng) – Fr. Giovanni Cavalcoli

E’ nota l’opinione del Card.Müller, Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, secondo il quale il ministero del Papa avrebbe bisogno di un “ristrutturazione teologica”. Non sono in grado di poter dire che cosa esattamente il Cardinale abbia inteso dire con questa insolita espressione; tuttavia, in base alla mia esperienza di teologo e di…

Sette cose su Rahner che non puoi non sapere (II) / Seven Things about Rahner that you have to know (II) (ita-eng) – Fr. Giovanni Cavalcoli

Quinta. Per Rahner, ogni uomo tende a Dio atematicamente e soprannaturalmente in forza della sua stessa essenza. Tutti, quindi, almeno inconsciamente, sono cristiani (“cristiani anonimi”). Quindi ogni uomo è in grazia, ed essa non si acquista perchè Dio perdona il peccato, nè si perde a causa del peccato. Tutti quindi si salvano e nessuno si…

Sette cose su Rahner che non puoi non sapere (I) / Seven Things about Rahner that you have to know (I) (ita-eng) – Fr. Giovanni Cavalcoli

Prima. Per Rahner, l’uomo non è un animale ragionevole, composto di un’anima immortale, creato ad immagine di Dio, ferito dal peccato originale, redento dal sacrificio di Cristo e disponibile alla vita di grazia, ma è uno spirito nella storia, soggetto autotrascendente sempre in grazia, proteso per essenza verso l’orizzonte di questa sua autotrascendenza, che è…

Nuova teologia, vecchi problemi / New Theology, Old Problems (ita-eng) – Fr. Giovanni Cavalcoli

Oggi la teologia è bloccata in uno scontro sterile e senza esclusione di colpi fra lefevriani, impropriamente detti “tradizionalisti”, e modernisti, spesso chiamati falsamente “progressisti”. Questo increscioso conflitto si sta trascinando, ormai incancrenito, dalla fine del Concilio Vaticano II, ed attiene fondamentalmente al problema della giusta interpretazione del Concilio. In un litigio a non finire,…