Hong Kong Craziness/ La pazzia di Hong Kong (eng – ita) – M° Aurelio Porfiri

I am for a few hours in Hong Kong. I’ve always had a crush for this city: I like it so much that sometimes I find it really intolerable. The beauty of Hong Kong is also its weakness. Sometimes it seems to me like Hong Kong is reminiscent of those representations of cities of the future, those stories with taxis flying and so on. But here the taxis do not fly yet and they whiz through the streets ready to pierce the first traffic light available.

Hong Kong has a heart divided in many parts, a kind of multiple personality, with business taking place in areas such as Central and indulgences to sin that have their realm in Wanchai. Who can condemn the flesh when its tired will want to find oblivion in sin?

Hong Kong is the sin and forgiveness, death and redemption, hell and eternal life. You cannot live in Hong Kong, you can only be lived from Hong Kong.


 

Sono per poche ore in Hong Kong. Io ho sempre avuto un debole per questa città,i piace cosi tanto che a volte la trovo veramente insopportabile. La bellezza di Hong Kong è anche la sua debolezza. A volte ricorda quelle rappresentazioni delle città del futuro, quelle storie con i taxi che volano e via dicendo. Solo che qui i taxi non volano ancora e sfrecciano per le strade pronti ad infilzare il primo semaforo disponibile.

Hong Kong ha un cuore diviso in molte parti, una sorta di personalità multipla, con gli affari che si svolgono in aree come Central e le indulgenze al peccato che hanno il loro regno in Wanchai. Chi potrà condannare la carne quando per propria stanca volontà cerca l’oblio nel peccato?
Hong Kong è il peccato e il perdono, morte e redenzione, inferno e vita eterna. Non puoi vivere in Hong Kong, puoi solo essere vissuto.