Tradition is the future?/ La tradizione è il futuro? (eng-ita) – M° Aurelio Porfiri

 

Interview with Dr. Giuseppe Capoccia

Coetus Internationalis Summorum Pontificum General Representative

What is the Coetus Internationalis Summorum Pontificum?

 “It’s a humble work of service to allow the faithful around the world related to the extraordinary form of the liturgy to be able to celebrate in the heart of Catholicism, on the tomb of St Peter, cum Petro et sub Petro. It is a Committee, founded in 2012 to organize the first International Pilgrimage Populus Summorum Pontificum and a pilgrimage that has become a regular appointment, but always with an unmistakable imprint of the spirit of service and awareness to work for the benefit of all. We are not an association, we are not a movement, we are a committee that works for the pilgrimage Summorum Pontificum, born in the belief that a handful of people of good will was needed who would create the opportunity to allow many of the faithful to come out of isolation and the ‘suburbs’ to which they are often are relegated.”

What is the meaning of this pilgrimage?

“The sense of pilgrimage is the same every year: in 2012, in fact, hundreds of faithful who live their faith to the rhythm of the traditional liturgy come to Rome to thank Divine Providence of the incomparable gift of the Motu Proprio Summorum Pontificum by Pope Benedict XVI, which liberalized the use of the traditional Missal. They thus show their love for the Church and the See of Peter; to witness to the perennial youth of the ancient liturgy, a precious instrument of the new evangelization, a constant source of spiritual renewal and of numerous priestly vocations. This year the pilgrims have especially asked the Holy Spirit to assist the Ordinary Synod of Bishops to show the perennial teaching of the Church on the family and Christian marriage as always alive and uncorrupted.” 

As I have said before, many look at this world as merely people looking at the past…

”It’s a strange objection that hides a notion that everything that preceded the modern Mass is  lifeless and belongs to a history museum, meaningless to the man of today! As if, for many centuries, the perennial newness of Christianity had not gone right through the Mass of St Pius V: St John Bosco was he not close to young people? How about St Therese of Lisieux? Did St Pio of Pietralcina not attract large crowds of simple faithful?

Are there any religious congregations behind the pilgrimage?

“We are proud of the fact that most of the religious institutes ‘Ecclesia Dei’ participate in the pilgrimage and contribute with zeal to the liturgical service, although no one has special ties to the CISP. This friendly relationship with the Institutes ‘Ecclesia Dei’ does not detract from the fundamental characteristic of the pilgrimage: to have as its focus the Populus Summorum Pontificum, the lay faithful and the many diocesan priests who love the traditional liturgy”.

What are your ties with the followers of Msgr Lefebvre?

“As I said, the pilgrimage unites and gathers the faithful, the priests and religious who practice traditional liturgy according to Summorum Pontificum in parishes and diocesan realities: so this is a different environment from the world with which the FSSPX deals and therefore, from this point of view, we have no relations. However, each year some family belonging to the FSSPX joins us and we are happy because, as Pope Francis testifies, we look to the Society and its members in a spirit of Christian friendship and hope that it will be soon reconciled with Rome. Let us pray incessantly for this to happen as soon as possible.”

What is your relation with the ecclesiastical hierarchy?

 “The relationship of CISP with the hierarchy are great and I see no reason why they should not be! Ours is a pilgrimage to Ad Petri sedem and the Popes have never failed to lend their fatherly message: in this year’s message Pope Francis made reference to “keeping alive the ancient liturgy in the Church …”; celebrants in St. Peter have always been eminent prelates and Msgr Pozzo, Secretary of the Ecclesia Dei, has always participated generously in the various liturgies in the program. However I am aware that many local Coetus Fidelium invoking the application of Summorum Pontificum have, unfortunately, very different relationships with their priests and bishops. The Pilgrimage is also intended as an indirect aid, but effective, to try to overcome their difficulties, and to support them – so to speak – in the good fight.”

Future projects?

“The Pilgrimage to St. Peter next October 30, 2016! And then a pilgrimage to Fatima in January 2017 for the centenary of the apparitions.”

So tradition is the future?

“The traditional liturgy is always young, because the worship of God is not a matter of age. Those who follow the Facebook page of the Pilgrimage are below 34 years old, the priests of our groups are often young and often very young. The spread of the Tridentine Mass has, in phenomenal terms, something of the extraordinary: suppressed, banned, persecuted for decades, in seven years it is showing an expansive and unstoppable force, despite the strong and sad opposition of some in the episcopate; and all this happens while religious practice collapses inexorably; no facilities, no means and in often hostile environments, the faithful, especially young people, are organized, they study, they fight, they network: but where you will find this dynamic field? If we want to talk about numbers, we could say that in eight years (Summorum Pontificum was issued in 2007) in Italy, for example, places where we celebrate the Tridentine Mass has grown from a dozen to more than 100: You calculate the percentage!

 


 

 

Puo’ dirmi cosa e’ il Coetus Internationalis Summorum Pontificum?

 

“E’ una umile opera di servizio per consentire ai fedeli di tutto il mondo legati alla forma straordinaria della liturgia di poterla celebrare nel cuore della cattolicità, sulla tomba di San Pietro, cum Petro et sub Petro: si tratta di un comitato, sorto nel 2012 per organizzare il primo Pellegrinaggio Internazionale del Populus Summorum Pontificum e resosi poi un po’ più stabile, quando il pellegrinaggio è diventato un appuntamento ricorrente, ma sempre con una inconfondibile impronta di spirito di servizio e di consapevolezza di operare a vantaggio di tutti. Non siamo un’associazione, non siamo un movimento: siamo un comitato che lavora per il pellegrinaggio Summorum Pontificum, nato nella convinzione che occorreva un manipolo di persone di buona volontà che organizzasse l’occasione per consentire ai tanti fedeli di venir fuori dall’isolamento e dalle “periferie” in cui spesso sono relegati”.

 

 

Quale e’ il senso del pellegrinaggio appena trascorso?

 

“Il senso del Pellegrinaggio è lo stesso ogni anno: dal 2012, infatti, centinaia di fedeli che vivono la loro vita di fede al ritmo della liturgia tradizionale vengono a Roma per ringraziare la Divina Provvidenza del dono incommensurabile del Motu Proprio Summorum Pontificum di Benedetto XVI, che ha liberalizzato l’uso del Messale tradizionale; per manifestare il loro amore per la Chiesa e per la Sede di Pietro; per testimoniare la perenne giovinezza della liturgia antica, prezioso strumento della nuova evangelizzazione, fonte di costante rinnovamento spirituale e di numerose vocazioni sacerdotali. In questo 2015 i pellegrini hanno pregato in modo particolare lo Spirito Santo di assistere il Sinodo Ordinario dei Vescovi, perché splendesse sempre vivo e incorrotto il perenne magistero della Chiesa sulla famiglia e sul matrimonio cristiano”.

 

Cosa rispondere in chi vede coloro che hanno attaccamento alla messa di Pio V solo come persone attaccate al passato?

 

“E’ una ben strana obiezione che nasconde un pregiudizio secondo cui tutto ciò che ha preceduto la Messa moderna sarebbe privo di vitalità, apparterebbe a un passato museale privo di senso per l’uomo di oggi! Come se, per tanti secoli, la perenne novità del Cristianesimo non fosse passata proprio attraverso la Messa di S. Pio V: non era forse vicino ai ragazzi San Giovanni Bosco? non era forse nuovissima S. Teresina? non attirava forse grandi folle di fedeli semplici San Pio da Pietrelcina?”

 

Siete legati a congregazioni religiose?

 

“Siamo fieri del fatto che la gran parte degli Istituti religiosi “Ecclesia Dei” partecipino al pellegrinaggio e contribuiscano con zelo al servizio liturgico, anche se nessuno ha speciali legami col CISP. Questo cordiale rapporto con gli Istituti “Ecclesia Dei” non fa venir meno la caratteristica fondamentale del pellegrinaggio: avere come focus il Populus Summorum Pontificum, i fedeli laici ed i tantissimi sacerdoti diocesani che amano la liturgia tradizionale”.

 

E quali sono i vostri rapporti con i lefevriani?

 

“Come ho detto, il pellegrinaggio riunisce e si rivolge ai fedeli, ai sacerdoti ed ai religiosi che praticano la liturgia tradizionale secondo il Motu Proprio Summorum Pontificum nelle parrocchie e nelle realtà diocesane: si tratta dunque di un ambiente diverso del mondo della FSSPX con la quale, dunque, da questo punto di vista non abbiamo rapporti. Tuttavia ogni anno qualche famiglia della FSSPX si unisce a noi e ne siamo felici perché, così come fa Papa Francesco, guardiamo alla Fraternità ed ai suoi membri con spirito di cristiana amicizia, augurandoci che essa possa al più presto ricomporre ogni residuo dissidio con Roma. Preghiamo incessantemente perché ciò accada quanto prima”.

 

 

Rapporti con la gerarchia?

 

“I rapporti del CISP con la gerarchia sono ottimi e non vedo la ragione per cui non dovrebbero esserlo! Il nostro è un pellegrinaggio ad Petri sedem ed i Sommi Pontefici non hanno mai fatto mancare il loro paterno messaggio: in quello di quest’anno Papa Francesco ha fatto riferimento al “mantenere viva l’antica liturgia all’interno della Chiesa…”; i celebranti in San Pietro sono sempre stati eminenti prelati e mons. Pozzo, segretario di Ecclesia Dei, ha sempre preso parte con generosità alle varie liturgie in programma. Tuttavia non ignoro che in molte realtà locali i Coetus Fidelium che invocano l’applicazione del Motu Proprio Summorum Pontificum hanno, purtroppo, rapporti ben diversi con i loro parroci e Vescovi. Il Pellegrinaggio vuole anche essere un aiuto indiretto, ma efficace, per cercare di superare le loro difficoltà, e per sostenerli – diciamo così – nella buona battaglia”.

 

Progetti per il futuro?

 

“Il Pellegrinaggio in San Pietro il prossimo 30 ottobre 2016! E poi un pellegrinaggio a Fatima nel gennaio 2017 per il centenario delle apparizioni”.

 

Il futuro e’ la tradizione?

“La liturgia tradizionale è sempre giovane, perché l’adorazione di Dio non è questione di età, né di upgrade: chi frequenta la pagina FB del Pellegrinaggio ha meno di 34 anni, i preti dei nostri gruppi sono giovani e spesso giovanissimi. La diffusione della Messa antica ha, in termini fenomenici, qualcosa di straordinario: soppressa, bandita, perseguitata per quarant’anni (oltre una generazione: io stesso prima del Motu Proprio Summorum Pontificum non l’avevo mai conosciuta), in sette anni sta mostrando una forza espansiva inarrestabile, nonostante le forti e tristi opposizioni dell’episcopato; e tutto questo accade mentre nel mondo il trend della pratica religiosa crolla inesorabilmente; senza strutture, senza mezzi e in ambienti spesso ostili, i fedeli, soprattutto giovani, si organizzano, studiano, combattono, fanno rete: ma in quale altro ambito trovate tale dinamismo? Se vogliamo parlare di numeri, potremmo dire che in otto anni (Summorum Pontificum è stato emanato nel 2007) in Italia, per fare un esempio, i luoghi dove si celebra la Messa antica sono cresciuti da una decina ad oltre 100: faccia Lei la percentuale!”

 

 

2 thoughts on “Tradition is the future?/ La tradizione è il futuro? (eng-ita) – M° Aurelio Porfiri

  1. In realtà, in Italia i centri stabili dove si celebra regolarmente la S. Messa di sempre sono oltre 150. Basti consultare l’elenco ufficiale più aggiornato, che è quello del sito Messainlatino. E l’Italia, comunque, è uno dei fanalini di coda in questo ambito. I paesi del centro-nord Europa e il mondo anglosassone stanno molto più avanti di noi!

Leave a Reply