Una dualità di opposizioni (III) / A Duality of Oppositions (III) (ita-eng) – Don Ennio Innocenti

220px-TeilhardP_1947

Pierre Teilhard de Chardin

b) I raccordi tra alcuni documenti papali (encicliche di Paolo VI e di Giovanni Paolo II) e il pensiero di De Lubac sono innegabili, ma va notato: 1) Nonostante che l’enciclica sia, nella sua formalità, un documento di magistero ordinario, non tutti i suoi passaggi hanno la stessa autorità, com’è facile arguire dal contesto (capita, talvolta, che l’Alto Autore voglia evidentemente
colloquiare con considerazioni personalissime); 2) L’assunzione nelle encicliche di formule già pronte non è di per sé un fatto che renda la formula meno discutibile se essa è oscura (dire, per esempio, con De Lubac, che l’Incarnazione stabilisce un vincolo organico tra Dio e ogni uomo, è ripetere una frase oscura).

c) L’influsso di De Lubac è stato contraddetto non solo da teologi di primo rango (Garrigou – Lagrange, Joumet, Philippe de la Trinité, Gherardini) ma anche da numerosi cardinali che si schierarono subito a fianco del card. Siri, fin dalla prima edizione del suo Riflessioni sul movimento teologico contemporaneo (altri si sono aggiunti, poi, con l’edizione di Getsemani). Si riqualificò senza ambagi l’opera di De Lubac come eversiva.

d) Lo “sfondamento” di De Lubac sulla questione Teilhard è solo apparente. L’adesione di Arrupe non conta nulla. La nota lettera del Card. Casaroli ad uno strombazzato convegno su Teilhard non ha inteso affatto cancellare il giudizio del S. Uffizio (com’è stato ufficialmente precisato) relativo ai “gravi errori filosofici e teologici” di Teilhard. Ne segue che, nonostante le apparenze, il nonagenario De Lubac è coinvolto da quel giudizio. Pace all’anima sua.


b) The connections among some papal documents (encyclicals by Paul VI and John Paul II) and the thought of De Lubac are undeniable, but it has to be noticed: 1) Although the encyclical is, in its formality, a document of ordinary Magisterium, not all the passages have the same authority, as it is easy to understand from the context (sometimes the High Author wants to talk with personal considerations); 2) The assumption in the encyclicals of already done formulations is not an indication that the formulation is less debatable if it is obscure (for example, saying with De Lubac that Incarnation establishes an organic bond between God and every man, is repeating an obscure sentence).

c) The influence by De Lubac has been contradicted not only by first-level theologians (Garrigou – Lagrange, Joumet, Philippe de la Trinité, Gherardini), but also by many cardinals, who immediately agreed with Card. Siri, since the first edition of his Reflections on the contemporary theological movement (then others were added with the Gethsemane edition). He talked about the work of De Lubac as eversive without any doubt.

d) The “breach” of De Lubac on the problem of Teilhard is only apparent. The adhesion to Arrupe counts for nothing. The famous letter by Card. Casaroli to a well- advertised convention on Teilhard did not cancel at all the opinion of the Roman Inquisition (as it has been officially defined) concerning the “serious philosophical and theological mistakes” of Teilhard. So it is clear that, despite the appearances, the nonagenarian De Lubac is involved in that opinion. Rest in peace.

(Translation by Marina Madeddu)