What will 2016 bring the Church in China/ Che cosa porterà alla Chiesa in Cina l’anno 2016 (eng-ita) Card. Joseph Zen

From AsiaNews

Hong Kong (AsiaNews) – I have not spoken about the Church in China on my blog for some time now. Certainly not because I am too busy to do so (busy as I may be, I will never lose interest of our Church in China), not because I fear criticism of my ideas (at my age I have nothing to gain or lose).

No, the problem is that I’d like to give some good news, but, as you will note, my fate is that of the prophet Jeremiah. I have searched at length for some good news, but have found none. I realise that during this season of Christmas and the New Year, my complaints are somewhat “extra chorum”, but I cannot be a dog without a bark.

A.

I remember that at the beginning of last year the newspaper Wen Wei Po announced jubilantly that “relations between China and the Vatican will soon have a good development.” Soon after, the Vatican Secretary of State said that “the prospects are promising, there is a desire for dialogue on both sides.” I had my doubts about this unexpected wave of optimism, I saw no basis for this optimism. More than a thousand crosses were removed from the top of the churches (in some cases the churches themselves have been destroyed). After so long, we can no longer delude ourselves that this was anything beyond an episode of some local official’s exaggerated zeal. Several seminaries have been closed. Students of the National Seminary in Beijing were forced to sign a declaration of loyalty to the Independent Church, promising also to concelebrate with illegitimate bishops (otherwise they would not receive a diploma at the end of their studies). The Government is continuously strengthening a church that now objectively is already separated from the universal Catholic Church; with enticements and threats they induce the clergy to perform acts contrary to the doctrine and discipline of the Church, denying their conscience and their dignity.

B.

In the latter half of 2015, there were some promising events which however failed to live up to expectations. Bishop Wu Qin-jing of Zhouzhi, ten years after his episcopal ordination, was finally installed as bishop, but has yet to pay the price of a compromise (see my blog of 14 July 2015).

Shortly after, Bishop Zhang Yinlin Anyang was ordained. Even some usually cautious Catholic media rejoiced saying that everything had gone well. They pointed out that this ordination is the first after the last three years of contacts between Rome and Beijing, and also the first in Pope Francis’ pontificate, presenting the event as a good start.

It is this last statement that scares me, because the process included a “democratic election”, the reading of a “decree of appointment by the (so-called) Episcopal Conference of China” and the canonically un-clear position of a consecrating bishop . A similarly abnormal process took place three years ago, does it deserve our rejoicing? (See my blog of 7 September 2015).

C.

In October comes the big news: A Vatican delegation was in Beijing, there was a meeting. The Holy See gave no news of it. Father Heyndrickx Jeroom broke the news (of course he knows everything). He says: “They did not discuss sensitive issues like Bishop Su Zhimin of Baoding still in detention, or such as Bishop Ma Daqin of Shanghai to house arrest for more than three years (but these problems should be resolved before any negotiations? Otherwise Obviously there is goodwill on the part of Beijing). They focused on the issue of appointing bishops (of which model? Like with Anyang?). After the meeting, the delegation paid a visit to Bishop Li Shan of Beijing and the National Seminary where they met with Ma Ying Lin (Father Heyndrickx said that these are signs of goodwill on the part of Beijing, I think instead that they were acts of homage imposed by Beijing)“.

Later the Vatican Secretary of State also confirmed that there was a meeting and that it was “very positive” and this “would be part of a process that will hopefully end with an agreement.” Pressed by some journalists as to whether there was real progress, Cardinal Parolin responded: “The fact that we speak is already positive.” It seems that there is no agreement in sight as of yet.

D.

So what is the formula now under discussion for the appointment of bishops? As an old Cardinal out on the peripheries, I have no way of knowing, let alone guessing.

A recent article “A winter of darkness for religions in China” by Bernardo Cervellera on AsiaNews, says: “From information that has arrived from China it would seem that Beijing’s proposal is limited to complete recognition by the Holy See for all official bishops (even  illegitimate and excommunicated bishops), without any mention of the unofficial bishops and those in prison; Vatican approval of the government recognized Council of Bishops, which excludes underground bishops; approval of the competency of this Council (and not the Pope) in the appointment of new candidates to the episcopacy who will be “democratically” elected (in short according to the suggestions of the Patriotic Association). The Holy See must approve the Council’s  appointment and has a weak veto only in “severe” cases, which must be justified if used. If the Holy See’s justifications are considered “insufficient”, the Council of Bishops may decide to proceed anyway”.

If this information is accurate, can the Holy See accept the claims of the Chinese counterpart? Does this approach still respect the true authority of the Pope to appoint bishops? Can the Pope can sign such an agreement? (Pope Benedict said: “The authority of the Pope to appoint bishops is given to the church by its founder Jesus Christ, it is not the property of the Pope, neither can the Pope give it to others”).

Do our officials in Rome know what an election is in China? Do they know that the so-called Episcopal Conference is not only illegitimate, but simply does not exist? What exists is an organism that is called “One Association and One Conference”, namely the Patriotic Association and the Bishops’ Conference always work together as one body, which is always chaired by government officials (there are pictures to prove it, the Government does not even try more to keep up appearances, it starkly flaunts the fact  that they now manage religion!). Signing such an agreement means the authority to appoint bishops delivering into the hands of an atheist government.

This scheme is often compared to a (poorly defined) Model Vietnamese, but it is much worse. The Vietnamese model is based on an initiative that began with the Church in Vietnam, the true Catholic Church in Vietnam. In China on the other hand, the so-called Association  and Conference hide the reality that it is the Government calling the shots.

Even in Eastern Europe of the past, such as in Poland and Czechoslovakia, it was the Church that took the initiative and then gave the Government veto power. In doing so, even if the government vetos a proposal for the hundredth time, it is still the Church that presents a candidate and makes the appointment. If the Government insists on a veto, it will only prolong the impasse, and it will still allow the Church time to look for a suitable candidate. But it is unthinkable to leave the initial proposal in the hands of an atheist Government who cannot possible judge the suitability of a candidate to be a bishop. Obviously, if the Church gives in to pressure from the government, the only result – despite proclamations to the contrary – is that it will have sold out the pontifical right to appoint bishops. Can this happen? According to an article written by a certain András Fejerdy: “For pastoral reasons – that is, because the full administration of the sacraments requires completely consecrated bishops – the Holy See believed that the completion of the Hungarian Bishops’ Conference was so urgent that it accepted a solution that formally did not upset the canonical principle of free appointment, but that in practice gave the regime a decisive influence in choosing the candidates”.

UCAN News reports recent news from Chengdu (Sichuan): “Shortly after the visit of the Vatican delegation to Beijing, the Holy See approved the episcopal candidate elected in May 2014”. Is this also a case of “not upsetting the canonical principle of free appointment, but …in practice giving the regime a decisive influence in choosing the candidates “?

E.

It is said that dialogue focused on the issue of the appointment of bishops, but there are many other pending problems, when and how will they be resolved?

The aforementioned AsiaNews article stated, again based on information received from China: “Beijing (demands) the Holy See’s recognition of all the official bishops, even the illegitimate and excommunicated ones.” I wonder: is it only the government that makes these demands, without repentance of those concerned? Will the excommunicated only be released from excommunication or even recognized as bishops? Even without any act of repentance? Has the mercy of God come to this? Will the faithful be obliged to obey these bishops?

So much remains to be resolved.

Illegitimate bishops who have been excommunicated have abused the sacramental power (including ordination of deacons and priests) and judicial (assigning offices) and the Holy See seems to be without rebuke for them.

Legitimate bishops who participated in illegitimate episcopal ordinations, one, two, even three, four times, without ever having asked for forgiveness, or having received forgiveness from the Holy Father. Also those who took part in the so-called Assembly of Representatives of Chinese Catholics (the clearest symbol of a schismatic church).

Shortly after the Vatican delegation’s journey to Beijing began, the government organized a large gathering of Church leaders, forcing on that occasion a celebration of all the bishops, legitimate, illegitimate and excommunicated. These are all objectively schismatic acts. The government now can string along a large number of bishops, resulting in an irrecoverable loss of dignity. If the Holy See signed some agreement with the Government without clarifying all these things, it will cause a severe wound to the conscience of the faithful.

F.

Obviously our underground communities are non-existent for the Government. But now is even the Vatican ignoring them in negotiations, to appease their Chinese counterparts? To “save the day” will we abandon our brothers and sisters? But they are the healthy limbs of the Church! (Of course, they too have their problems, especially when dioceses remain without bishops, which can only lead to disorder). Is silencing the underground community to please the government not a form of suicide?

In the recent negotiations there has been no mention of the case of Msgr. James Su Zhimin in prison for 20 years. Nor of Msgr. Thaddeus Ma Daqin of Shanghai under house arrest for more than three years because these issues have been deemed “too sensitive” !?

In early September, some of the Shanghai faithful who were in prison for a long time, along with their relatives, went on a pilgrimage to Rome to commemorate the sixtieth anniversary of the outbreak of the great persecution on September 8, 1955. The understanding was: “Do not make any noise, the past is past, we have to look forward”!?

On a diplomatic level, the underground communities are the ace in the Holy See’s deck; if we amputate these limbs, what have we left in diplomatic standings to induce the other party to agree to our terms? By now, the government controls nearly all the official communities, while the underground communities are kept at bay by the Holy See. What do they still need so come to terms? They only need the signature of the Holy Father, a blessing, for this “Chinese Church.” Beijing has no intention of negotiating, only making demands. After such a signature they will oblige the faithful of the underground community to come out and surrender to those who were illegitimate bishops for a long time, maybe even excommunicated, but now, with a clean slate, without even showing any repentance, leaning only on the Government for their legitimacy, have become bishops in their own right.

G.

What makes me restless is the sight of our Eminent Secretary of State still intoxicated by the miracles of Ostpolitik. In a speech last year, at a Memorial for Card. Casaroli, he praised the success of its predecessor in having secured the existence of the Church hierarchy in the communist countries of Eastern Europe. He says: “In choosing candidates for the episcopate, we choose shepherds and not people who systematically oppose the regime, people who behave like gladiators, people who love to grandstand on the political stage.” I wonder: Who had he in mind while making this description? I fear that he was thinking of a Cardinal Wyszynski, a Cardinal Mindszenty, a Cardinal Beran. But these are the heroes who bravely defended the faith of their people! It terrifies me to think this way and I sincerely hope that I am wrong.

On the day that an agreement is signed with China there will be peace and joy, but do not expect me to participate in the celebrations of the beginning of this new Church. I disappear, I will start a monastic life to pray and do penance. I will ask the forgiveness of Pope Benedict for not being able to do what he was hoping that I could I do. I will ask Pope Francis to forgive this old Cardinal from the peripheries for disturbing him with so many inappropriate letters.

The innocent children were killed, the angel told Joseph to take Mary and the Child and flee to safety. But today would our diplomats advise Joseph to go and humbly beg for dialogue with Herod !?

P.S.

Please let it not be said that I believe the only line is that of either or, of “official or unofficial”. The vast majority of the clergy and lay people who belong to the official community are faithful to the authority of the Holy Father. Many are suffering enormously because of the abnormal situation of their Church, they are saddened by the weakness or lack of rectitude of their pastors, sometimes they even try to prevent them from falling further. In many cases a united clergy and a faithful people can defend their pastor from further bullying from the Authorities.

 

Da tempo non parlo della Chiesa in Cina sul mio blog. Di certo non perché sono molto occupato (per quanto occupato non posso disinteressarmi della nostra Chiesa in Cina), neanche perché temo che le mie idee vengano criticate (alla mia età non avrò più niente da guadagnare o perdere). Il problema è che mi piacerebbe poter dare buone notizie, ma, come volete, la mia sorte è vicina a quella del profeta Geremia. Aspetto da tanto tempo di aver buone notizie, ma non vengono. Ora, in questa festosa stagione del Natale e del Capodanno, le mie lamentazioni sanno di “extra chorum”, ma comunque non posso essere un cane che non abbaia.

A.

Ricordo che all’inizio dell’anno scorso il giornale Wen Wei Po annunciava con giubilo che “le relazioni tra la Cina e il Vaticano avranno presto un buono sviluppo”. Subito dopo, il Segretario di Stato del Vaticano ha detto che “le prospettive sono promettenti, c’è desiderio di dialogo da ambe le parti”. Io avevo i miei dubbi su questa inaspettata ventata di ottimismo, non vedevo nessun fondamento per questo ottimismo. Più di mille croci sono state tolte dalla cima delle chiese (in alcuni casi le chiese stesse sono state distrutte). Dopo tanto tempo, non possiamo più illuderci che questo fosse solo un episodio di zelo esagerato di qualche ufficiale locale. Diversi seminari non funzionano più. Gli studenti del Seminario Nazionale di Pechino sono stati obbligati a firmare una dichiarazione di fedeltà alla Chiesa Indipendente, promettendo pure di concelebrare con vescovi illegittimi (altrimenti non riceveranno il diploma alla fine degli studi). Il Governo continuamente sta consolidando una Chiesa che ormai oggettivamente è già separata dalla Chiesa Cattolica universale; con allettamenti e con minacce inducono il clero a compiere atti contro la dottrina e la disciplina della Chiesa, rinnegando la propria coscienza e la propria dignità.

B.

Nell’ultimo semestre del 2015 alcuni avvenimenti che sembrano positivi finiscono per lasciarci non del tutto entusiasti. Il vescovo Wu Qin-jing di Zhouzhi, dopo dieci anni dalla sua ordinazione episcopale, è stato finalmente installato come vescovo, ma ha pur dovuto pagare il prezzo di un certo compromesso (si veda il mio blog del 14 luglio 2015).

Poco dopo, il vescovo Zhang Yinlin di Anyang viene ordinato. Perfino alcuni media cattolici, solitamente cauti, esultarono dicendo che tutto era andato bene. Sottolineano che questa ordinazione è la prima dopo questi ultimi tre anni di contatti tra Roma e Pechino, e pure la prima da quando Francesco è Papa, presentano l’avvenimento come un buon inizio. Ora è questa ultima affermazione che mi fa paura, perché’ il processo contiene la “elezione democratica”, la lettura del “decreto di nomina da parte della (cosiddetta) Conferenza Episcopale Cinese” e la posizione canonica non chiara di un vescovo con-consacrante. Un simile processo rimane allo stato anormale di tre anni fa, merita che noi ne gioiamo? (si veda il mio blog del 7 settembre 2015).

C.

In ottobre arriva la grande notizia: Una delegazione del Vaticano è stata a Pechino, c’è stato un incontro. La Santa Sede non ne dà notizia. È stato il Padre Jeroom Heyndrickx a darne notizia e in modo abbondante (ovviamente egli sa tutto). Dice:“Non hanno trattato certi problemi sensitivi come il Vescovo Su Zhimin di Baoding ancora in detenzione, come il Vescovo Ma Daqin di Shanghai a domicilio coatto da più di tre anni (ma questi problemi non dovrebbero essere risolti prima di qualunque negoziato? Altrimenti è ovvio che non c’è la buona volontà da parte di Pechino). Si sono concentrati sul problema della nomina dei vescovi (su quale modello? Come nel caso di Anyang?).Dopo l’incontro la delegazione ha fatto visita al Vescovo Li Shan di Pechino e al Seminario Nazionale dove hanno incontrato Ma Ying Lin (Padre Heyndrickx dice che questi sono segni di buona volontà da parte di Pechino, io penso invece che siano stati atti di ossequio imposti da Pechino). ”

Più tardi il Segretario di Stato del Vaticano ha pure confermato che c’è stato un incontro ed è stato molto positivo e questo “farebbe parte di un processo che si spera concluderà con un accordo”. Pressato dalla domanda di qualche giornalista se ci sia stato vero progresso, il Cardinale Parolin ha risposto: “Il fatto che si parli è già positivo”. Pare che l’accordo non ci sia ancora.

D.

Qual’è la formula ora in discussione per la nomina dei vescovi? Il sottoscritto, vecchio Cardinale di periferia, non ha modo di saperlo, tanto meno di averne diretta visione.

Da un recente articolo “Pechino, il buio dell’inverno sulle religioni” di Bernardo Cervellera su AsiaNews, si legge: “Da alcune informazioni ricevute dalla Cina… (al) Consiglio dei Vescovi riconosciuti dal Governo… (dovrebbe competere) il mandato per i nuovi candidati all’ordinazione episcopale; l’elezione e la nomina del candidato deve essere fatta secondo il metodo democratico, ossia, secondo i suggerimenti dell’Associazione Patriottica. La Santa Sede deve approvare la nomina ed ha un debole potere di veto solo in casi gravi, dando giustificazione della sua posizione. Se le motivazioni della Santa Sede sono considerate insufficienti, il Consiglio dei Vescovi può decidere di procedere comunque”.

Se queste informazioni sono esatte, la Santa Sede può accettare le pretese della parte cinese? Tale modo di procedere rispetta ancora la vera autorità del Papa di nominare i vescovi? Il Papa può firmare un tale accordo? (Papa Benedetto aveva detto: “L’autorità del Papa di nominare i vescovi viene data alla Chiesa dal suo fondatore Gesù Cristo, non è proprietà del Papa, neanche il Papa può cederla ad altri”).

I nostri ufficiali a Roma sanno che cosa è una elezione in Cina? Sanno che la cosiddetta Conferenza Episcopale non solo non è legittima, ma semplicemente non esiste? Quello che esiste è un organismo che si chiama “Una Associazione e Una Conferenza”, cioè l’Associazione Patriottica e la Conferenza Episcopale funzionano sempre insieme come un corpo, che è sempre presieduto da ufficiali del Governo (ci sono fotografie per provarlo, il Governo non cerca neppure più di salvare le apparenze, ostenta in modo nudo e crudo il fatto che essi ormai gestiscono la religione!). Firmare un tale accordo è come consegnare nelle mani di un Governo ateo l’autorità di nominare i vescovi.

Paragonato questo schema con un certo (sovente non ben definito) Modello Vietnamita, risulta molto peggiore. Nel Modello Vietnamita si suppone che l’iniziativa comincia con la Chiesa in Vietnam, la vera Chiesa Cattolica in Vietnam; in Cina invece, dietro il nome di Una Associazione e Una Conferenza c’è la realtà del Governo che comanda.

Anche nell’Europa dell’Est di un tempo, come in Polonia e in Cecoslovacchia, la prima iniziativa viene dalla Chiesa, poi si concede il diritto di veto al Governo. Assicurato che l’iniziativa parte dalla Chiesa, vuol dire che, anche se il Governo dà il veto per la centesima volta, sarà ancora la Chiesa a presentare il candidato e fare la nomina. Se il Governo insiste sul veto, potrà solo prolungare l’impasse, la Chiesa potrà ancora cercare un candidato idoneo. Ma non si può lasciare la prima iniziativa a un Governo ateo: che ne sa dell’idoneità di un candidato per essere vescovo? Ovviamente, se la Chiesa rinuncia alla propria posizione e cede alle insistenze del Governo, potrà finire, nonostante qualunque formula, collo svendere il diritto pontificio di nominare i vescovi. Può questo accadere? Da un articolo di un certo András Fejerdy si legge: “Per motivi pastorali – cioè perché’ l’amministrazione completa dei sacramenti esige assolutamente vescovi consacrati – la Santa Sede riteneva che il completamento della Conferenza Episcopale ungherese fosse così urgente che accettò una soluzione che formalmente non urtava il principio canonico della libera nomina, ma che in pratica concedeva un influsso decisivo al Regime nello scegliere i candidati”.

UCAN News riporta una notizia recente da Chengdu (Sichuan): “Poco dopo la visita della delegazione vaticana a Pechino, la Santa Sede ha approvato il candidato episcopale eletto nel maggio del 2014”. Non è proprio [questo] il caso di “non urtare formalmente il principio canonico della libera nomina, ma che in pratica si concede un influsso decisivo al Regime nello scegliere il candidato”?

E.

Si dice che il dialogo si era concentrato sul problema della nomina episcopale, ma ci sono tanti problemi sospesi, quando e come si risolveranno?

Il citato articolo di AsiaNews dice, sempre basandosi su informazioni ricevute dalla Cina: “Pechino (esige) il riconoscimento da parte della Santa Sede per tutti i vescovi ufficiali, anche quelli illegittimi e scomunicati”. Io domando: È solo il Governo che esige, senza un pentimento degli interessati? Gli scomunicati sono solo sciolti dalla scomunica o anche riconosciuti come vescovi? Pure senza un atto di pentimento? La misericordia di Dio arriva a tanto? I fedeli saranno obbligati ad obbedire a tali vescovi?

Le cose da mettere a posto sono tante.

Vescovi illegittimi e persino scomunicati hanno abusato del potere sacramentale (compresa ordinazione di diaconi e preti) e giurisdizionale (assegnando uffici) e la Santa Sede non sembra abbia avuto parole di rimprovero.

Vescovi legittimi hanno partecipato a ordinazioni episcopali illegittime, una, due, perfino tre, quattro volte, e non risulta che abbiano chiesto perdono, né che abbiano ricevuto perdono dal Santo Padre. Hanno preso parte anche alla cosiddetta Assemblea dei Rappresentanti dei Cattolici Cinesi (il simbolo più chiaro di una Chiesa scismatica).

Poco dopo la partenza della delegazione vaticana da Pechino, il Governo ha organizzato un grande raduno dei dirigenti della Chiesa, forzando in tale occasione una concelebrazione di tutti i vescovi, legittimi, illegittimi e scomunicati. Sono tutti atti oggettivamente scismatici. Il Governo ormai può menare per il naso un gran numero dei suoi vescovi, facendo loro perdere la propria dignità da cui difficilmente riescono a rifarsi. Se la Santa Sede firma qualche accordo con il Governo senza chiarire tutte queste cose, causerà una grave ferita sulla coscienza dei fedeli.

F.

Ovviamente le nostre comunità clandestine sono come non-esistenti per il Governo. Ma anche il Vaticano le ignora nelle trattative, per accondiscendere alla parte cinese? Per “salvare la situazione” si abbandonano questi nostri fratelli e sorelle? Ma sono le membra sane della Chiesa! (Ovviamente, avranno anche loro i loro problemi, specialmente quando non si danno i vescovi alle loro diocesi. Presto verrà il disordine). Far tacere le comunità clandestine per non irritare il Governo non è un suicidio?

Nelle recenti trattative non si è parlato del caso di Mons. Giacomo Su Zhimin in prigione da 20 anni. Non si è parlato di Mons. Taddeo Ma Daqin di Shanghai a domicilio coatto da più di tre anni, perché’ sono casi “troppo sensitivi”!?

Ai primi di settembre, alcuni fedeli di Shanghai che sono stati in prigione per lungo tempo, insieme con i loro parenti, sono andati a Roma in pellegrinaggio per commemorare il sessantesimo dello scoppio della grande persecuzione l’8 settembre 1955.  Si sono sentiti dire: “Non fate fracasso, il passato è passato, guardiamo in avanti”!?

Sul piano diplomatico le comunità clandestine sono la carta che la Santa Sede può giocare; auto-amputando queste membra, che cosa rimane in mano alla nostra diplomazia per indurre la controparte a patti? Ormai, il Governo controlla quasi tutte le comunità ufficiali, mentre le comunità clandestine sono tenute a bada dalla Santa Sede. Di che cosa hanno bisogno ancora per cui venire a patti? Hanno bisogno solo ancora di una firma del Santo Padre, di una sua benedizione, su questa “Chiesa cinese”. Pechino non ha nessuna intenzione di negoziare, ha solo delle pretese. Dopo una tale firma si obbligheranno tutti i fedeli della comunità clandestina a venire fuori e sottomettersi a quelli che sono stati vescovi illegittimi per lungo tempo, magari anche scomunicati, ma che ora, con un colpo di spugna, senza neanche mostrare alcun pentimento, appoggiandosi solo sul Governo che otterrà per loro la legittimazione, diventano vescovi a pieno diritto?

G.

Quello che non mi lascia tranquillo è vedere il nostro Eminentissimo Segretario di Stato ancora inebriato del miracolo dell’Ostpolitik. In un discorso dell’anno scorso, commemorativo del Card. Agostino Casaroli, lodava il successo del suo predecessore di aver assicurato l’esistenza della gerarchia ecclesiastica nei paesi comunisti dell’Europa dell’Est. Dice: “Nello scegliere i candidati per l’episcopato, scegliamo dei pastori e non gente che si oppone al regime per sistema, gente con l’attitudine di gladiatori, gente che ama mostrarsi sul palcoscenico politico”. Io mi domando: Chi aveva in mente mentre faceva questa descrizione? Ho paura che stesse pensando ad un Cardinale Wyszynski, ad un Cardinale Mindszenty, ad un Cardinale Beran. Ma questi sono gli eroi che coraggiosamente hanno difeso la fede del loro popolo! Mi fa paura questo modo di pensare, spero di averlo capito male.

Il giorno che si firmerà quell’accordo con la Cina ci sarà pace e giubilo, ma non aspettate che io partecipi alle celebrazioni dell’inizio di questa nuova Chiesa. Io sparirò, inizierò una vita monastica per pregare e fare penitenza. Chiederò scusa a Papa Benedetto per non essere riuscito a fare quello che egli sperava che io riuscissi a fare. Chiederò a Papa Francesco di perdonare questo vecchio Cardinale di periferia per averlo disturbato con tante lettere inopportune.

I bambini innocenti sono stati uccisi, l’angelo ha detto a Giuseppe di portare il Bambino e Maria in salvo fuggendo. Ma oggi i nostri diplomatici forse consiglieranno a Giuseppe di andare a tentare un dialogo con Erode!?

P.S.

Non si pensi che io ritenga come unica linea di distinzione “l’ufficiale – clandestino”. La grande maggioranza del Clero e dei fedeli anche nella comunità ufficiale è fedelissima all’autorità del Santo Padre. Molti stanno soffrendo enormemente della situazione anormale della loro Chiesa, sono addolorati per la debolezza o mancanza di rettitudine dei loro pastori, qualche volta sono loro che cercano di impedire che cadano più in giù. In non pochi casi un clero unito ed un popolo fedele riescono a difendere il loro pastore da ulteriori prepotenze delle Autorità.